venerdì 9 ottobre 2015

Star Wars Episodio I: La Minaccia Fantasma - [RECENSIONE]

Hola!!


Hola bella gente! E allora, ma lo vogliamo ricominciare questo FUCKIN' EPIC BLOG?!?!??!'1'1'!?
#COUGH. #cough #grilli.
Ok, d'accordo, va bene. Non esultate tutti assieme però #eh.

Thing is che, come alcuni di voi sapranno perché mi seguono gentilmente sulla mia fantastica pagina Facebook verso la quale non voglio assolutamente indirizzarvici a cliccare "mi piace" onde aumentare il numero degli iscritti, il mio PC ha ben deciso di tirare le zampe Venerdì 26 Settembre 2015.

Morto, non sepolto.
Non ancora: diciamo in attesa di riformattazione #sperando #chevada.

 Mi ritrovo così in un vuoto Mercoledì sera a dover ingannare l'ASTINENZA PIU' TOTALE del non poter operare a pieno regime col mio bel piccì-no #'haicapita? costruendomi un minimo di futuro nel campo dell'entertainment multimedianico... RIPRENDENDO L'ATTIVITA' QUI SUL BLOoooG!! #pepperepeppeppeee #applausi

#grazie, #grazie

L'avevo promesso, here am I. E thanks Mama per avermi prestato il portatile. Ti ringrazio anche se so che non leggerai mai queste righe... #:3 #<3 

Or quindi, con che cosa si ricomincia, Luke?? 
Beh, ma non è ovvio, my dear??

L'unica, preannunciata, straficherrima rece de...
#musichediWilliams #unaacaso #tantoèbellasicuro

LA MINACCIA DI LUCAS ALLA SCENEGGIATURFANTASMA!!!

Ebbene sì, poiché Episodio VII è alle porte, noi qui tutti bagnati attraverso fluidi non meglio specificati da mesi, Francoforte che chiude in rialzo a 2 e 2%, insomma... Mi sembrava doveroso prepararci alle lacrime che verseremo in Sala ancor prima che "Il Risveglio della Forza" cominci a strapparci la dignità fra lanci di pop-corn e conclamazioni di gratitudine estrema rivolte alle divinità più disparate per il miracolo del quale saremo gioiosamente prossimi ad una totale prelibazione (anche sessuale #toh).

Considerate questa recensione naturalmente come il calcio d'inizio alla mia personale revisione dell'intera ESALOGIA - o dovrei dire... ENNALOGIA? #commozione - dei capitoli di Guerre Stellari: una sorta di "maratona" che poi si ripercuoterà finanche sottoforma di VIDEORECENSIONI nel mio Canale Youtube

A proposito, lo sapevate che ho un bellissimo Canale YoutuD'ACCORDO, la smetto.

Il tutto scaturisce da una necessità formatasi durante la visione di una vera "Maratona" (settimanale) dei sei film affrontata a colpi di battutoni e scurregge coi fioi e tirata su sempre in preparazione a Episodio VII: la necessità di dire la mia su una Saga che per quanto ritenga fra le migliori cose mai create dopo Ariana Grande e Ariana Grande, è comunque cinematograficamente parlando ben lungi dal potersi definire Capolavoro #cough #SECONDA(I,II,III) #trilogia #COUGH.

Quindi allacciate le cinture, ladies and gentlemen, che qui si parte per il fottuto IPERSPAZIO!!! #babe #oumadaffaccayeah
"Chewbe, attiva Scansione-Astrovelox!"

- LA TRAMA IN SINTESI -

#laTramaèSemplice. #No,aspé
George Lucas non sa scrivere.

OPS, scusate, mi sono sbagliato!! Fortuna che sto ancora scrivendo e potrò cancellare siffatto errore che voi non leggerete #adesso. E' un errore perché come affermazione volevo tenerla come illazione di "scena" a chiusura dell'analisi della SECONDA Trilogia (cioè con Episodio III). 

Mannaggia, ho proprio sbagliato. Eh, vabé... Ma arriviamo alla trama, dai. #blink #smagliantesmile

  #EHM #EHm

  Come disse un Saggio nella Rete, i Film di valore posseggono sempre una trama "semplice".
 Di quelle che ricordiamo tutti poiché, oltre che belle, sono immediate nella loro semplicità e proprio a causa di questa loro semplicità arrivano ad imprimere nella mente di noi spettatori concetti molto profondi nell'istante di quel bel ricordo del film stesso che manterremo per tutta la vita.

Di cosa parla, "Guerre Stellari" ("Una Nuova Speranza")? Di un giovane sognatore che varca la soglia di Casa affrontando un Mondo che fra pregi e difetti lo farà crescere e divenire un Uomo.

Di cosa parla "L'Impero Colpisce Ancora"? Dell'effimero concetto di "fine", poiché le avversità non avranno mai un capitolo conclusivo ed il loro continuo succedersi non è che l'unico, fatale percorso che porta l'Uomo a divenire Padre.

Di cosa parla "Titanic"? Dell'Amore e della sua Forza inabissabile.

"Il Signore degli Anelli"? Della Fede e della Speranza.

Il Padrino, Ritorno al Futuro, Harry Potter...  Riproducono esattamente gli stessi concetti in maniera ciclica ed avvincente, e tanto basta per il loro successo poiché trattasi di temi Universali e all'Uomo Ancestrali.

Noi SIAMO, quei temi, ed esplorarli significa conoscere meglio noi stessi.
A seguire "virtute e canoscenza". #'amboro #mal? #skers

Riportandoci in superficie, avremo di riflesso STORIE altrettanto SEMPLICI nei contenuti e nelle dinamiche che però finiranno per ammaliarci ogni volta come pere cotte proprio grazie all'abilità di chi, queste storie, ce le racconta.

Non fu un certo Scrittore ad affermare
"Brevity is the Soul of Wit"?

E quindi di cosa parla, "Una Nuova Speranza"? Luke Skywalker è un contadinotto che arriva a combattere e vincere l'Impero grazie all'aiuto di amici e maestri.

L'"Impero Colpisce Ancora"? Il viaggio intrapreso da Luke non è finito ed in vista delle future asperità necessita di allenamento per divenire uno Jedi come suo padre prima di lui...

ORA.

Di cosa parla "La Minaccia Fantasma"?

Ammetto di essere stato in difficoltà a riportarvi una "trama in sintesi" poiché la vicenda di questo primo capitolo E' UN FOTTUTO CASINO #cazzo
"Ma de checcazzo stamo apparla'?" (semicit. dalla Confederazione dei mercanti)

Proprio perché in preda a svariate convulsioni di memoria, ho deciso di alleggerirmi la sfida andando a guardare su Wikipedia e giuro su Dio questo è ciò che riporta la più sintetica espressione enciclopedica della Rete:

"La trama segue il Maestro Jedi Qui-Gon Jinn e il suo apprendista Obi-Wan Kenobi mentre scortano e proteggono la regina Amidala, in viaggio dal pianeta Naboo al pianeta Coruscant per cercare una soluzione pacifica a una controversia sul commercio interplanetario che ha originato un conflitto nel sistema di Naboo"

Cioè questa dovrebbe essere la fottuta sintesi del cazzo di nucleo della storia del film.

Va bene, d'accordo, sarò io stupido e tutti voi avrete CERTAMENTE #ahahah afferrato al primo colpo le intricate vicende nelle quali veniamo SBATTUTI a freddo da Lucas e compagnia nella Intro al Film... MA SIAMO SINCERI #ohfiga, fra tutti i possibili e fantasiosi pretestesti per far cominciare un film 

RIVOLTO LIMPIDAMENTE AD UN PUBBLICO DI MOCCIOSI PISCIADDOSSO

vi sembra questo il modo migliore per far partire un'Avventura alla base di una SAGA EPICA quale è stata quella delle Guerre Stellari??

Cazzo, ho avuto difficoltà a ritrovarmici IO che a 23 anni il film l'avrò visto almeno una cinquina di volte, figurarsi un ragazzino di undici al cinema con gli amichetti ed il padre.

Il primo problema de "La Minaccia Fantasma" è proprio questo: l'INDIRIZZO del Target di questo Film.

Senza anticiparvi troppo le carte che metterò in tavola, ma uno dei primi problemi che riscontro a Episodio I è la totale confusione con cui è stato messo in piedi questo film.

Se Episodio IV ("Una Nuova Speranza") e V ("L'Impero Colpisce Ancora") sono opere chiaramente rivolte ad un pubblico giovane ed "esperito" ma nonostante ciò (e perché fatti BENE) in grado di appassionare genti di qualunque età, la Minaccia Fantasma non si capisce bene daccheccazzo di parte voglia stare:

da una parte abbiamo dialoghi, accadimenti, estetiche e sviluppi logici prettamente infantili, rivolti cioè (ma non per questo "sbagliati") ad un pubblico pre-adolescenziale, dall'altra abbiamo un sottotesto, uno sfondo di natura tanto politica ed ASTRUSA che non si capisce bene se Lucas l'abbia voluto infilare per dare una qualche sorta di malriuscita dignità ontologica (e quindi "adulta") alla confezione del film o più semplicemente per dare qualcosa su cui arrovellarsi a chiunque di superiore ai sedici anni in Sala affinché non si accorgesse del cazzo di CRIMINE commesso con la fottutissima sceneggiatura cagata male dal nostro George, lassù.


- LA SCENEGGIA -


Se comincia... #speremo #ben #...

Il film comincia, come da tradizione, a seguito dei famosi titoli di testa a scorrimento coi quali ci viene fatto sapere che A) l'esercito della Federazione dei Mercanti ha istituito un'embargo sul pianeta Naboo per tipo manifestare #? il proprio dissenso contro una fantomatica tassa di cui frega'ncazzo a nessuno dal momento che non ci viene dato sapere come questa possa esercitare problemi ai Mercanti  od ai sistemi galattici e che B) vengono inviati DUE cavalieri Jedi per risolvere diplomaticamente la situazione: ora, a meno che i Jedi fossero quattro e due non siano morti accidentalmente d'infarto durante il viaggio verso i mercatanti, il film si apre con UN MAESTRO JEDI (Qui-Gon-Jinn, Liam Neeson) ed UN apprendista PADAWAN (Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor). Di "cavalieri Jedi" neanche l'ombra.

COMINCIAMO BENE.

Sappiamo inoltre che vengono inviati proprio degli Jedi in quanto "i guardiani della Pace e della Giustizia"...
Ok, il fatto che rappresentino i monaci guerrieri e spirituali della Repubblica ci sta: sono saggi, prevedono vagamente il Futuro, sanno menare le mani imponendo la propria presenza... Ma per quale motivo ciò dovrebbe renderli esperti conoscitori delle Leggi intergalattiche e quindi fautori degli aspetti diplomatici repubblicani?

Insomma, stiamo parlando di GALASSIE #damn!, supporrei che la Repubblica abbia un proprio apparato diplomatico in grado di occuparsi professionalmente della questione e che non debba fare ricorso a delle guide spirituali che fra l'altro rasenteranno il centinaio di numero, a occhio e croce.

E' come se l'ONU  nel '62 avesse spedito un paio di sacerdoti sulle contraeree americane per risolvere la questione cubana a colpi di acqua santa, cioé #WTF ARE YOU KIDDIN'ME?!?

Ma vabbé, DETTAGLI.

Ah, mi preme tenere presente che sto affrontando questa recensione secondo i presupposti che 1) gli unici esseri umani a non vedere questi film siano stati i sordo-ciechi e la gente morta prima del 1999 (quindi perdonatemi se ogni tanto, come in seguito, saltellerò di pellicola in pellicola per disimpacciare l'intreccio narrativo della Saga) e che 2) ogni ragionamento critico al film è costruito sul film STESSO. Trovo sia inutile pontificare su ipotetiche congetture inerenti tutto ciò che POTREBBE essere accaduto prima del film: considero - e ritengo che così andrebbe sempre fatto - vero SOLO tutto ciò che ci viene comunicato dallo schermo; 

frega un cazzo che Pinco Pallino stia agendo così perché FORSE prima agiva in quell'altro modo affinché ci fossero certe fantomatiche conseguenze cosiccché implicherebberoNO! Fanculo #cazzo, in culo agli universi espansi (ormai privi di valore post-acquisizione et tabula rasa cronologica Disney) ed al fumetto "numero 25 bis barra otto dove si legge che a pagina 2 vignetta 8 si capisce chiaramente che -" NO! qui si parla del PRIMO capitolo ufficiale dell' Esalogia: destino volle fosse un film ERGO è unica VERITA' tutto ciò che r-i-e-n-t-r-a audiovisivamente nel film e da esso può essere direttamente (secondo logica) compreso od intuito.
Tutto il resto #loL VIA, non ne terrò conto poiché non ce n'è ragione. #oh.   

Adesso.

I Viceré a capo della spedizione dei Mercanti vengono consigliati dal misterioso Darth Sidious, il Signore dei Sith, affinché sbrighino la faccenda uccidendo gli Jedi. 

Anticipiamo per un attimo i piani di Sidious: diventare il fottuto IMPERATORE.
Anzitutto l'alter ego civile di Sidious è Palpatine, un senatore qualsiasi della Repubblica e originario di Naboo (il pianeta sotto embargo).

  • Per farlo deve prima diventare Cancelliere Supremo al fine di poter pilotare il Senato e finire a fare i cazzi che gli pare;
  • Per diventare Cancelliere, si deve prima deporre Valorum, ovvero il Cancelliere in carica all'inizio di Episodio I;
  • Per arrivare a deporlo senza destare sospetti, imbastisce questo embargo dei Mercanti cosicché la regina Amidala, spinta dalla crisi #? sul suo pianeta, arrivi a proporre una sfiducia nei confronti del Cancelliere Valorum;
  • La deposizione del Cancelliere sfiduciato servirebbe ad eleggerne uno nuovo più fermo e dal pugno di ferro, così da portare avanti una guerra "civile" contro la Federazione dei mercanti AFFINCHE' non rompano più i coglioni contro la nuova tassazione e Naboo.
Ci siamo tutti?

Tralasciando il fatto che stiamo trattando di una simpatica produzione rivolta nei toni a dei ragazzini di dodici anni, ma non vedete anche voi qualche appena #appena accennato BUCO GIGANTE nel piano del terribile genio del Male, Darth Sidious?

Tutto ciò che Darth Sidious impone inizialmente di fare ai viceré è di far firmare a forza un certo "Trattato" alla Regina Amidala affinché legittimi l'occupazione militare che avverrà di lì a poco.
In questa maniera Naboo si rivelerebbe cooperativo nei confronti della Federazione e della sua battaglia contro la suddetta "tassa" commerciale.

In che maniera il Cancelliere Valorum dovrebbe venire colpito, da tutto ciò?
Su futura affermazione di Palpatine, egli (Valorum) è a quanto pare una pedina corrotta di certi (potenti?) "burocrati"... E fin qui, ok;
lo "stallo" politico (generato dall'embargo messo in atto da una parte - la Federazione - interna alla Repubblica) non fa che mettere in risalto alcuni dei problemi burocratici del sistema di Governo, che non avrà di certo costruito Valorum: la sua irresoluta (in quanto schiava #presumo dei più disparati apparati galattici) carica può venire messa in discussione solo da una parte direttamente lesa dal suo essere un incapace, ovvero la Regina di Naboo (che è sotto l'embargo di protesta), ma se questa non ha motivo di raggiungere Coruscant (sede del Senato intergalattico) proprio perché tenuta prigioniera dalla Federazione come CAZZO farebbe Valorum a venire accusato di ignavia politica??

Ma non è tutto: come potrebbe mai il Signore dei Sith, per quanto potente, arrivare a smuovere un'intera FEDERAZIONE per assecondare i suoi piani malvagi? I viceré menzionano un nebuloso "patto" che per loro deve essere effettivamente importante ma del quale non viene più fatta menzione o data spiegazione; cosa potrà avergli mai buttato sul piatto quello stesso Palpatine che - ricordiamo- a parte sparare fulmini ridendo come un coglione è pur sempre... Un semplice Senatore? 
Di qualsiasi cosa si sia trattato, deve essere stato tanto "sostanzioso" E da convincere l'intera Federazione a sbilanciarsi economicamente e pubblicamente a livello intergalattico E da risultare (alla Federazione) effettivamente "ottenibile".

Ma non ritengo plausibile che Sidious sia più potente degli Jedi a tal punto da controllare migliaia di menti "non deboli" (amministratori, consiglieri, eventuali assetti direttivi o regali a capo della Federazione non ce li vedo poi così facilmente "stupidi"), o di certo avrebbe DIRETTAMENTE controllato l'intero Senato senza dover tirare su 'sta baraonda intergalattica.

TORNANDO AL FILM, Sidious ordina di UCCIDERE gli Jedi, e ancora... PERCHE'? 
Se gli jedi sono stati inviati dalla Repubblica per risolvere diplomaticamente la questione ucciderli non farebbe che far precipitare la situazione dallo stallo politico che rappresenta ad una di vero crimine contro la Repubblica stessa che a quel punto (morti gli Jedi) sarebbe autorizzata a fermare la Federazione.  

Se Sidious vuole svalutare l'inoperabile Cancelliere Valorum, potrebbe limitarsi a far rispedire al mittente gli Jedi dicendogli che non avevano la benché minima cazzo d'intenzione di negoziare alcunché con la Repubblica e mantenendo intatto lo stallo politico.

Ma ancora --> Sidious vuole far FIRMARE alla Regina Amidala il trattato cosicché venga legittimata l'occupazione militare... Ma in questo modo non si creerebbe alcuna crisi, ANZI! Federazione e Naboo finirebbero così per costituire un sistema a cui la Tassa sta sui coglioni, e per conseguenza sparirebbe anche lo stallo che dovrebbe far apparire Valorum come un politico legislativamente impedito e perciò non degno della sua carica.

Vi sentite confusi?? Beh IO LO SONO cavolo, e probabilmente perché tutto l'ambaradan malefico di Palpatine/Sidious è stato tirato su nella mente di Lucas in un mondo in cui non esistono implicazioni sfavorevoli a meccanismi tanto complessi.

Ma andiamo avanti, che tanto qui son DETTAGLI.
Facciamo che 'sti piani di Palpatine fileranno lisci come nella versione tragica di Willie il Coyote (e come effettivamente succederà).

Gli Jedi devono morire. Così i nemici gli attivano un Gas letale ODOROSO ("Diossido!" cit. Qui Gon Jinn) e VISIBILISSIMO.
Per la serie #TRAPPOLONI.

E fin qui tutto ok, se non fosse che lo stesso Viceré afferma trionfante di aprire le porte della stanza in cui sono rinchiusi dal momento che "[...] sicuramente saranno morti!".

Siamo nello spazio profondo ed tuoi acerrimi nemici Jedi sono imprigionati senza via di fuga in una stanza sigillata ove son costretti a trattenere il respiro. E sono essere umani. 

Ma #tipo tenerle chiuse una dozzina di ore, quelle porte? Lì sì che avrei anche lanciato un azzardato "Saranno sicuramente morti!"

Ma si accontentano di far passare giusto qualche minuto, cosicché si compia la vera ragione per la quale Lucas ha fatto ordinare l'esecuzione degli Jedi, alla faccia di qualsivoglia disegno politico intricaterrimo: far sgusciare la cazzo di spada laser a quelli che si sono ormai ridotti a mere incarnazioni delle parti d'AZIONE di questo film (ma anche di quelli successivi).

La prima obiezione che mi recapiterete sarà naturalmente: ma o Luke, tu che hai un gran bel Canale Youtube, che senso ha lamentarsi dell'azione in un film chiaramente action-fantascientifico?

Orbene, io non mi lamento della necessaria chiamata all'azione in Guerre Stellari: se vado a vedere un capitolo della Saga, vado naturalmente ANCHE per l'Azione, non a caso lamento l'aspetto più politico della pellicola poiché la ritengo troppo boriosa, noiosa ed "inutile" (nel senso di male impiegata ai fini dell'intrattenimento).

Di cosa mi lamento: della CATTIVA "Azione".

Le scene d'Azione, nei film, servono ad ostacolare il raggiungimento dell'Obbiettivo ai nostri eroi; in questa maniera il suo raggiungimento diventa più difficile e per riflesso arriviamo ad immedesimarci maggiormente nei protagonisti, a provare ansia e paura e quindi a identificarcisi meglio così da venire intrattenuti ancor di più.

Quindi quando avremo BUONA Azione? Quando gli ostacoli sono DAVVERO ostacoli, ovvero intoppi da superare che mettono in DIFFICOLTA' i nostri eroi, i quali dovranno fare affidamento sulle proprie capacità (innate o acquisite nel corso della Storia) per superarle.

A partire dalla fine degli anni'90 nella "nuova" Hollywood questo concetto è andato perdendosi, e a guadagno di maggiori tecniche speciali per la rappresentazione VISIVA dell'azione è andato perdendosi il vero CUORE dell'Azione.

Lucas, proprio perché non un gran ché di sceneggiatore e ricco come la merda, arrivò ad associare (come  altre decine di grandi produttori dell'epoca) che la gente voleva più azione VISIVA, confondendola con la vera Azione, che è appunto quella che ho appena menzionato.

Non c'è UNA scena d'Azione nei capitoli IV, V o VI a non far contrarre l'espressione dei personaggi per lo sforzo, la paura, la rabbia: ogni colpo, ogni sparo, ogni salto è accompagnato da una REAZIONE recitata dai personaggi e che accompagnata dai capolavori musicali di John Williams si traduce nel grande spettacolo che le Guerre Stellari (originali) rappresentano.

Mentre ne "La Minaccia Fantasma", e lo capiamo proprio da questa scena d'azione iniziale (per poi ottenerne conferma con tutte quelle successive), gli Jedi non sono semplici eroi, ma SUPER-eroi (in senso negativo #miracco): esseri superiori alle situazioni che affrontano, le quali finiscono per rappresentare più un GIOCO visivo che un vero Ostacolo.


Della nuova saga apprezzo le coreografie, se vogliamo finanche necessarie a creare un contrasto con la Prima Trilogia che dà luce ad un pensiero di "tempi passati" in cui gli Jedi erano al massimo delle proprie capacità e potenzialità, ma il fatto di farle eseguire agli attori senza ELEVARLE attraverso la recitazione e la sceneggiatura ci lascia in mano dei semplici balletti di marionette che sicuramente esaltano i più giovani, ma finiscono per annoiare lo spettatore medio.

Ma non solo! 

Cosa ancora più GRAVE, rendere gli Jedi dei personaggi in grado di risolvere qualsiasi situazione senza sforzo o vero impegno, e senza CONSEGUENZE (perlomeno tagli, graffi e/o sporco), li rende non più semplici persone, ma veri e propri DEI immortali: ciò impedisce totalmente lo sviluppo (da parte dello spettatore) di una piena empatia ed immedesimazione nei confronti di questi esseri divini, riducendo l'intero intrattenimento non più a "Storia" ma ad un semplice "circo" di bassa lega.

L'intrattenimento smette di esistere in favore del "passatempo": non ci domandiamo più se i personaggi riusciranno o meno a cavarsela, ma anzi ci sediamo nell'attesa (e quindi nella noia) che l'azione finisca per poter procedere allo sviluppo della TRAMA, dimenticando così che anche la BUONA Azione può essere Trama al 200%.

Gli Jedi riescono a cavarsela fra droidi e droideka in un paio di piroette, e venuti a scoprire dell'esercito della Federazione decidono di imbucarsi in un'astronave nemica per raggiungere Naboo ed avvertire i cittadini e la Repubblica.

Per farlo, decidono di SEPARARSI.

Scelta molto saggia, dal momento che per quanto ne sanno le astronavi potrebbero atterrare OVUNQUE sul Pianeta ed in postazioni diverse;
in più, questa genialata raddoppia le probabilità di venire sgamati in bomba mandando in malore ogni buono proposito di avvertire il Senato... MA fortunatamente Qui-Gon Jinn e Obi-Wan Kenobi riescono ad infiltrarsi senza problemi (tant'è che nemmeno ci viene mostrato) ed a ritrovarsi NEL BEL MEZZO DELLA GIUNGLA DI UN PIANETA ALIENO nel giro di uno schiocco di dita.

Nella giungla si imbattono anche in uno dei personaggi - se non IL personaggio - più odiati dell'intera Esalogia: JAR JAR BINKS. #tan-DAN-DAAANNN #dramaticreverb...
#quantebombe #leia #quante #<3
Il personaggio di Jar-Jar avrebbe anche potuto mantenere un suo senso entro i primi dieci minuti dalla sua comparsa: uno stacco comico che guida gli Jedi alla tribù dei Gungan dove otterranno un mezzo per raggiungere Naboo senza essere visti, per poi salutare gli eroi e tutt'al più rincontrarli durante la battaglia finale.
Ma il nostro George-one opta per la via più facile ma anche stupida ed insulsa che potesse optare: affibbiare il cosiddetto "Comic Relief" in toto al personaggio gungan cacasotto ed imbranato per TUTTA la stracazzo di durata del film, imponendone la presenza pur non avendo ragione di esistere.

Jar-Jar (non è colpa sua, certo) è semplicemente uno stupido membro ritardato di una tribù primitiva che collaborerà alla fine con Naboo per distrarre e permettere la sconfitta della Federazione dei Mercanti; la sua funzione compare nel peggiore dei modi per mezzo del deus ex-machina: se Qui-Gon ed Obi-Wan non lo avessero incontrato, si sarebbero ritrovati persi dall'altra parte del pianeta rispetto alla Capitale di Naboo #bei #pettini

Pensate a quanta più forza avrebbe ottenuto il personaggio se catturato per necessità (e di forza) dagli Jedi poiché necessitavano di un indigeno del posto per raggiungere il villaggio sommerso dei Gungan del quale conoscevano l'esistenza ma non la locazione?
Jar-Jar si sarebbe rivelato così vincolato a partecipare all'azione pur essendo un totale pacifista cacasotto e la sua compresenza fra gli eroi avrebbe rappresentato l'opportunità di Jar-Jar per arrivare a scoprire di essere a suo modo coraggioso e utile.

Un personaggio sventurato, pauroso e che non vorrebbe essere preso in mezzo ma che, alla stregua del Leone Codardo di Baum, alla fine della storia avrebbe subito un'evoluzione che l'avrebbe portato a divenire coraggioso e sicuro di sé.

Questo sarebbe stato già più un personaggio che avrebbe avuto senso di esistere: forse non proprio in QUESTA storia ma comunque con un suo perché.

Mentre il Jar-Jar di Lucas è una semplice macchietta la cui funzione dovrebbe esser quella di alleggerire la tensione dei ragazzini divertendoli.
Avendolo visto a 7 anni posso confermare che in (una minima) parte funzioni, ma non pienamente proprio perché come personaggio è vuoto ed avulso al contesto della trama.

Il viaggio prosegue, e dopo una breve tappa all'auto-noleggio di Otoh Gunga ove Qui-Gonn e Obi-Wan possono dar sfoggio dei piani segreti della Federazione dopo averne solo visto l'esercito, i nostri approdano... O meglio, riemergono nella città di Theed, capitale di Naboo.

Dell'intermezzo subacqueo fra le due città ho ben poco da dire, se non almeno rimarcare il fatto di come la fase esplorativa (ancora, di "azione") funzioni alla peggio proprio perché i tre protagonisti a bordo non esprimono la benché minima emozione, e nonostante NELLA STORIA si ritrovino ad esplorare le pericolosissime profondità marine ricolme di razze enormi e mostruose, i volti di Qui-Gonn e Obi-Wan riflettono il pathos di una gita campagnola pre-festiva fra famiglie di uno stesso condominio.
Sguardo vitreo ed assente, sembra stiano pilotando più un carrello che una catapecchia poco affidabile la cui sorte determina la vita dei passeggeri.

A Theed gli Jedi liberano dai droidi senza il benché minimo affanno la Regina ed i suoi collaboratori. E' divertente che il salvataggio prenda atto con gli Jedi calantisi dall'alto, proprio come solo - questa volta sì - Bat-man e Robin avrebbero potuto fare.
Il gruppo raggiunge un'astronave con la quale riesce a fuggire dalla capitale ed a raggiungere lo spazio, dove #OH #NOO!! Il Blocco navale della Federazione tenta di fermarli.

Trattandosi del quarto film di una saga chiamata Guerre STELLARI sarebbe naturale presumere che almeno le battaglie spaziali mantengano la stessa intensità di quelle dei capitoli originali, ma ahinoi la cosa non è che un ripetersi della fredda fase subacquea affrontata poco prima: tutti gli umani a bordo dell'astronave della Regina, pur non essendo jedi, spruzzano terrore quanto il vecchio mangianastri a manovella di mio zio Lallo. I robot risultano forse i più espressivi.
Tutto è un esacerbare annoiato di nozioni inerenti la caduca condizione della nave che sta venendo colpita da cannonate laser.
La cosa divertente è che come mezzo per inasprire la situazione Lucas ben decide di far colpire e danneggiare il generatore di SCUDI della nave.

Ora, sarò io che non sono un ingegnere, ma non sarebbe più consigliabile collocare il motore generatore degli scudi ANTI-LASER DENTRO la stracazzo di astronave??
Avrei capito se gli scudi fossero stati distrutti, ma NO, Lucas preferisce - per aggravare la faccenda - distruggere il generatore degli scudi anziché gli scudi stessi.

Tant'è che il giro di una manciata di inquadrature è più che sufficiente a R2-D2 per salvare la situazione inserendo un cacciavite in una fessura, che è più o meno la maniera più efficace per risolvere il 95% dei problemi tecnico-meccanici di ogni qual sorta di tecnologia avanzata nel mondo di Guerre Stellari.

Immagino che i periti meccanici della galassia di Star Wars rappresentino l'equivalente professionale di un bidello liceale (con tutto il rispetto per la professione).

Fatto sta che R2-D2 salva la situazione nel BEL MEZZO del combattimento, ripristinando al fottuto 100% gli scudi difensivi e rendendo pure l'astronave immortale livello jedi, al che quel minimo di ansia dello spettatore costruito in un paio di sequenze concitate va a farsi benedire assieme ad ogni proposito di preoccuparsi ulteriormente per i protagonisti, che tanto ormai abbiamo già capito che finiranno per cavarsela tranquillamente tipo ehmSEMPRE.


Tuttavia anche l'iperguida viene danneggiata, dunque su suggerimento di Obi-Wan i fuggitivi decidono di approdare su Tatooine alla ricerca di pezzi di ricambio.
Su Tatooine i nostri decidono di raggiungere la città di Mos Espa per recuperare i pezzi necessari all'iperguida.
Secondo una mossa chiaramente saggia ed assennata, Qui-Gon Jinn decide di lasciare il prudente Obi-Wan e le guardie reali all'astronave, e di portarsi dietro:


  • Il gungan ritardato ma ancor di più imbranato;
  • R2-D2, un robot lento e che dovrà muoversi sulla sabbia, con la scusa di averne bisogno per trasportare i piani della nave quando usa poi in realtà una sorta di chiavetta USB circolare ed olografica che già ha tutto quello che gli serve;
  • una "servitrice" di quattordici anni bella ed avvenente che tipo incitava allo stupro già a me che di anni all'epoca in Sala ne avevo sette, figurati in un porto di contrabbandieri, schiavisti e mafiosi.

Ma #AHAH Qui-Gonn, sei tu il saggio maestro, qui!

I problemi di scrittura della parte su Tatooine sono diversi, il film l'abbiamo visto tutti, quindi per farla corta che mi sto dilungando un fià... #appena,appena #eh


  1. Il fatto che Qui-Gon Jinn si ostini a voler prendere i pezzi per l'astronave dal poco raccomandabile Watto è una stronzata, dai! Egli stesso afferma, appena giunti in città "Proveremo da quel piccolo rivenditore laggiù!": ciò significa che ve ne sono diversi.
    Nell'eventualità che tutti i rivenditori avessero chiesto un prezzo esagerato, avrebbero tranquillamente potuto optare di consegnare tutto ciò che avevano come caparra e, una volta giunti a destinazione, di retribuire molto più del dovuto... Non vi ricorda nulla?
    Peraltro se nel IV stavano ANDANDO da una principessa... Nel I HANNO a bordo una Regina!!
  2. MA supponiamo che comunque Watto fosse o sia l'unico rivenditore della città (o dell'intero Tatooine) a detenere i "pezzi giusti" per l'astronave... Ebbene, perché tutto il gioco di scommesse che avverrà a breve quando Qui-Gonn avrebbe potuto tranquillamente avvalersi della VIOLENZA, contro il povero Watto?

    Calmi, CALMI!! O voi fanatici dell'immacchiabile etica Jedi.
    Prima di saltare sulle sedie ad esclamare di come uno Jedi non ricorrerebbe mai alla violenza se non per difendersi, vorrei riportare alla vostra esimia attenzione cosa FA il casto Qui-Gon Jinn, qui, nel corso della storia: tenta più volte di avvalersi dei poteri della Forza per imporre il proprio volere sulle menti del Re dei Gungan (per ottenere un mezzo di trasporto che avrà anche un suo costo) e di Watto (per decidere LUI, acquirente, quale prezzo sia giusto), così da ottenere facilitazioni per i propri obiettivi tramite il lavaggio del cervello, QUINDI BARA come una merda durante una scommessa d'azzardo (per la liberazione di Anakin) pilotando il dado lanciato da Watto e peraltro MENTENDO contro lo stesso quando afferma che lo Sguscio è di sua proprietà quando poi in realtà è stato costruito su un vecchio modello di dominio di Watto.

    Al che, mi direte voi: "Deh ma Luke, così come Obi-Wan in Episodio IV, Qui-Gon agisce per il bene comune!"!
    Beh #AHAHAH my friends, se ci spostiamo sull'ottica del "Il fine giustifica i mezzi", allora PERCHE' non praticare la mia suddetta proposta di VIOLENZA?

    Andiamo, pensateci: se ne "Una Nuova Speranza" Obi-Wan si avvale del controllo mentale Jedi semplicemente per tagliare corto con delle stupide (perché cieche pedine di un Dittatura) guardie SENZA RECARE LORO il benché minimo DANNO, il nostro Qui-#faccioilcazzochemipare-Gon Jinn si appropria di PODERI altrui e dal certo valore economico ATTRAVERSO l'IMPOSIZIONE DELLA PROPRIA VOLONTA' per mezzo di UNA forza, che in questo caso è la Forza, ma che per conseguenza poteva essere qualsiasi cosa.

    Volete forse farmi credere che manovrare mentalmente una persona indifesa e indifendibile a tale costrizione (l'essere manovrata) è forse meglio dell'usare una cazzo di mazza da baseball per imporre la propria volontà su degli altri (per quanto moralmente discutibili) esseri?

    Converrete con me che a questo punto tanto valeva che Qui Gon entrasse a spada laser accesa e puntatala sul collo di Watto esclamasse "DAMMI il cazzo di pezzo per la mia astronave che mi serve e LIBERA Anakin e la madre O TI SMONTO.", per poi darsi ad una rocambolesca fuga che non avrebbe avuto conseguenze dal momento che a Mos Espa non credo proprio esista una sorta di forza di Polizia!

    Ma vabbé, siccome Qui-Gon è uno Jedi, e gli Jedi sono BUONI #banana, allora tutto gli è concesso, no?

      
  3. I Midi-Chlorian.

    Resosi conto del potenziale di Anakin, l'ambiguo Qui-Gonn ne misura il tasso di Forza nel sangue.
    Detto così, non vi suona un pò...
    Tipo una STRONZATA?!?

    George Lucas decide così di smerdare ufficialmente una delle così più belle e sensate create con la Prima Trilogia per mezzo dell'ormai onnipotente & presente SSSSCIENZA.

    La Poesia e la Bellezza della Forza non è mai stata nella possibilità di spostare gli oggetti col pensiero, o di prevedere il futuro o colpi laser, ma in ciò che rappresenta e simboleggia.

    Avrò modo di discutere più approfonditamente della questione nella Recensione di Episodio II ("L'Attacco dei Cloni"); qui vi basti sapere che l'"invenzione" dei Midi-Chlorian, delle micro entità onnipresenti in tutte le cellule viventi ed in grado di "captare" #bah la Forza, è una vera BESTEMMIA.
    Averli creati significa UCCIDERE la Magia ed il significato di quello che era diventata e appunto simboleggiava, rappresentava la Forza coi tre (ma sarebbe meglio dire i primi due) film di Guerre Stellari.

    Senza starvi qui a spiegare che cosa io intenda (vedi la prossima rece), arrivare a quantificare scientificamente la Forza giusto per dare un background "più credibile" pure a questa è un sacrilegio pari a - chessò - all'inserire in un film romantico delle fottute particelle in grado di captare l'Amore che c'è nell'aria: più ne hai e più sei figo e quindi in grado di trombare fighe.

    Ho deciso di chiamare queste particelle Midi-Romance
    Bello, eh?
  4. Il personaggio di Anakin Skywalker.


    Del personaggio di "Ani" non posso lamentarmi più di tanto, e se l'intento di Lucas era quello di sottolineare l'innocua purezza di un ragazzino per contrapporla alla "malvagità" di quello che diventerà uno fra i più grandi cattivi della Storia del Cinema, beh l'ha effettivamente imbroccata.
    Dove mi ritrovo deluso: nella caratterizzazione di Anakin.

    Anzitutto "Anakin vero protagonista dell'Esalogia" un par di coglioni.

    Il personaggio di Anakin, NEL PRIMO (= "numero I") FILM della Saga, compare a 31 (TRENTUNO) minuti dall'inizio della storia e posso assicurarvi che mai in NESSUN film il Protagonista viene o verrà mai fatto comparire a più di un quarto del metraggio, e per diversi motivi: A) ogni storia è l'EVOLUZIONE (o l'"Arco") di un personaggio, attraverso la quale lo vediamo partire da un punto di stasi psicosomatica e via via crescere per poi diventare, a fine storia, relativamente l'opposto (positivo) di quello che era;
    B) inserire un vero protagonista dopo mezz'ora dall'inizio significa DOVER far partire la catena di eventi (e quindi il grosso del #vero film) che concorrono alla sua suddetta Evoluzione  dopo mezz'ora, una mezz'ora che verrà riempita con un Prologo eccessivamente lungo, naturalmente inconcludente (il film de facto non è ancora iniziato) e quindi NOIOSO.
    C) Inoltre tardare tanto l'entrata in scena del protagonista priva il pubblico di qualcuno in cui immedesimarsi per venire poi coinvolto dagli eventi del film.
    "Cazzo dici, luke! Mi dessero un Intro di mezz'ora con Han Solo mi ci divertirei abbomba!!" sì, certo, caro il mio cagacazzi: sai perché Han Solo è così efficace ed affascinante? Perché piace a tutti? Poiché il suo personaggio, che è scritto bene, emerge dai CONTRASTI, che non cadono dal cielo; Han Solo funziona perché il suo modo di fare, oltre che identificativo per la sua psicologia (in quanto volutamente l'unica del suo genere nel Mondo di Guerre Stellari), viene esaltato da un meccanismo di personaggi e relazioni che acquista forza proprio DAL protagonista, ovvero Luke, che è un povero contadinotto coglione e sognatore che non capendo un cazzo della Vita ci si imbatte contro: uno sbattersi che viene eccitato e sottilmente evidenziato proprio dai dialoghi con Han Solo, proprio gli stessi coi quali lo stesso Han prende Vita.

    E sai perché Han "prende Vita"? Perchè in quanto co-protagonista della storia, è partecipe della stessa catena di eventi formativi che formano, in primis, Luke Skywalker.

    Se assistessimo a mezz'ora delle avventure di uno Han in solitaria come Introduzione, quello ci verrebbe a noia proprio perché, in quanto non protagonista principale, non avrebbe modo di evolvere. Sarebbe un personaggio morto in partenza, o perlomeno "morto" fino alla comparsa in scena del Protagonista, ovvero Luke.

    E se gli dessimo un'evoluzione nella prima mezz'ora? Così facendo il pubblico si identificherebbe in Han, ma così facendo arrivati a mezz'ora di metraggio nessuno si vorrebbe più inculare Luke proprio perché ormai tutti vorrebbero SAPERE come vanno a finire le vicende di Han. E quindi Luke passerebbe così da Protagonista Eroe a Co-protagonista, o peggio Spalla o peggio Messaggero o Shapeshifter --> ma così facendo si denaturerebbe l'ormai "fu" Protagonista principale, che quindi non avrebbe più nemmeno senso di esistere...

    Capito come funziona?

    Ma tornando ad Anakin.

    Il fatto che diventi cattivo e poi si redima alla fine di Episodio VI NON lo rende IL protagonista dell'Esalogia, bensì - tutt'al più - il suo perno cronologico. PUNTO. La "chiave di volta", se volete.

    IL Protagonista della Trilogia Originale? LUKE SKYWALKER.

    Ci viene in mente all'istante come primissima risposta, senza starci a pensare.
    E' con lui che cominciamo, è lui che seguiamo, è con lui che scopriamo nuovi "mondi", ed è principalmente lui ad evolvere nel corso delLA Trilogia.
    Parte contadinotto ignorante, diventa un'eroe coraggioso, per poi elevarsi a Cavaliere Jedi (Eroe sulla strada per diventare Maestro o "Vecchio Saggio").

    IL Protagonista di "La Minaccia Fantasma"...?

    ... ... Non Anakin, per i motivi appena elencati. Ma nemmeno Qui-Gon Jinn od Obi-Wan Kenobi: se è vero che è con loro che inizia la pellicola, è anche vero che nessuno dei due svolge un percorso evolutivo.
    Ho detto "svolge"? Errore mio, scusate.
    NON BASTA che Obi-Wan venga elevato alla fine al rango di Cavaliere Jedi poiché non v'è CONQUISTA (nel corso della storia) di questo titolo da parte del giovane eroe: viene nominato così, alla bell'e meglio ed in quattro e quattro otto da Yoda alla fine del film giusto per far vedere Anakin diventare suo allievo, ma il tutto nel giro di cinque minuti (forse meno) ed Obi-Wan rimane lo stesso di sempre.

    Obi-Wan, così come Qui-Gon, partono super Jedi ben sicuri di sé ed in grado di fare il culo a chiunque e terminano tali (sì, Qui-Gon muore, ma perché coglione lui: Lucas non ha avuto nemmeno la decenza di farlo sacrificare come fece/farà Obi-Wan in Episodio IV);
    i due sono semplici guardie aggiuntive alla troupe della Regina Amidala che la conducono sana e salva a Coruscant.

    La protagonista è quindi Amidala? Beh, state scherzando o non avete proprio seguito il discorso? #dc

    Per concludere il punto, quando parlo di caratterizzazione di Anakin mi riferisco al fatto che Lucas, non essendosi fatto il mazzo per rendere VERO protagonista il ragazzino, avrebbe potuto sprecarsi un fià di più per caratterizzarlo meglio, aggiungergli un po' di pepe.

    Anakin è un giovane schiavo, genio dell'ingegneria (ripara un robot - D3BO - da solo) e del pilotaggio: mi sarei aspettato un qualcosa che risaltasse certe qualità nel modo di recitare o nei suoi dialoghi e che confermasse ciò che poi vediamo nel film (lui "bravo" con gli Sgusci e le astronavi, lui "bravo" ad aver creato D3BO).
    Un modo di fare sfacciato piuttosto che un'ironia scanzonata e denigratoria, ma tutto quello con cui ci lascia Lucas è un mocciosetto cagacazzi mediocre in tutto quello che dice ed esprime nei rapporti con le altre persone od i suoi superiori.

    Datemi pure torto, ma trovo sarebbe stato fantastico poter ammirare una sorta di innocuo e pre-adolescenziale "Lato Oscuro" proprio figlio del suo genio e del suo essere "fuori dagli schemi", o "troppo avanti" per la sua età.
    Un Anakin che facesse domande scomode e profonde, oppure moralmente ambigue nella loro scaltrezza, od addirittura che si macchiasse di piccoli crimini quali il furto (che effettivamente già compie, ma viene censurato con una fugace menzione e mai trattato da Lucas) o la violenza;
    riguardo quest'ultima, ho beccato proprio di recente una scena (ridicola) eliminata dove Anakin si picchia con un piccolo Greedo: orbene, una scena del genere ci sarebbe stata da Dio se la cosa fosse stata davvero sporca ed impetuosa, dove Anakin avrebbe avuto tristemente la meglio, ma Lucas la girò da culo facendo vedere Ani sopra l'avversario tirarsi due mosci scappellotti per poi far partire la paternale a Qui-Gon Jinn (come a dire: George proprio non ci può arrivare).

    In altre parole, Lucas ci vuole dare un genio privo di "sregolatezza" per non turbare i cuoricini delicati del suo TARGET, ovverosia un range di mocciosi fra i 6 ed i 13 anni, e dei loro genitori, così le mamme saranno contente dei contenuti uber-filtrati e saranno più propense a PERMETTERE ai loro pargoletti di ricevere tanti bei pupazzi della Saga, nonché i blu-ray disc dei film e centinaia di altre puttanate grazie alle quali Lucas potrà comprarsi il suo ennesimo resort hawaiano ricoperto d'oro e platino.

A seguito di un rapido scontro fra Qui-Gon Jinn ed il mitico Darth Maul (uno dei pochi personaggi convincenti creati per questo Capitolo I e poi spiegherò anche il mio perché), allievo di Darth Sidious, la combriccola riparte e riesce finalmente a raggiungere Coruscant, capitale della Repubblica.

Su Coruscant succedono due cose (peraltro recitate col trasporto di un canguro morto): 1) la Regina Amidala propone il voto di Sfiducia per il Cancelliere Valorum 2) Qui-Gon presenta al Consiglio dei Maestri Jedi il piccolo Anakin, nella speranza di ottenere l'autorizzazione per poterlo iniziare alle arti jedi.

  1. Della scena ambientata durante una seduta del Senato, nel quale arriviamo a ricevere un fottilione di informazioni tecnicamente utili alla creazione del contesto e del background della Storia ma nel giro di #tipo sessanta secondi per tramite di un Palpatine che sciorina tutto il necessario (manco stesse per schiattare) alla regina (la reputazione del Cancelliere Valorum, i problemi burocratici), non mi torna quanto propone Valorum in seguito al j'accuse di Amidala: propone infatti di creare un comitato che arrivi a dimostrare la veridicità di quanto affermato dalla Regina, ovvero dell'embargo della Federazione ai danni di Naboo.

    Dov'è il problema? Tipo che il cazzo di film I-N-I-Z-I-A proprio con degli Jedi inviati a risolvere diplomaticamente la questione con la Federazione, i quali poi riescono a tornare per miracolo a Coruscant e ad informare (è la prima cosa che fanno #damn !!) il Cancelliere stesso.

    Mi si potrà dire che "Deh ma gli Jedi erano stati inviati segretamente blablabla" beh VAFFANCULO cazzo, ce li ha inviati lui! Che motivo avrebbe per non ritenerli veritieri (se per mancanza di prove, che senso aveva inviarceli!)! #!
    MA ciò constatato, supponiamo che Valorum, proprio perché corrotto dai burocrati (anche se mi sfuggirebbe il motivo dal momento che HEY, non ci viene spiegato mai un cazzo di nulla!! #hahaah #=D), abbia volutamente simulato la propria ignoranza in materia: nulla avrebbe impedito alla Regina di sbatterglielo in faccia (è presumibile che due paroline sul perché della propria missione se le siano scambiate gli alleati) nel bel mezzo della seduta parlamentare smerdandolo ABBOMBA.

  2. Del Consiglio dei Jedi, tralasciando la noia, solo una cosa non mi torna: Qui-Gon afferma di essere stato attaccato da un tizio armato di Spada Laser ROSSA, dagli abiti neri ed abilissimo nel combattimento e arriva quindi a promulgare un probabile ritorno dei Sith.
    Il Consiglio ricorda che quelli non si fanno vedere da un millennio, ma approdano alla saggia scelta di inviare qualcuno a verificare il fatto.

    E INVIANO QUI-GON E OBI-WAN.

    In DO. #due #inveneziano 

    Ma io dico: sappiamo da Episodio II che gli Jedi vantano un cazzo di mini-esercito personale di decine di guerrieri Jedi BAD-ASS che nemmanco Martin Riggs, e per confermare dell'esistenza o meno del ritorno dei FOTTUTI SITH non mi invii ALMENO una decina di Jedi armati fino ai denti di sciabole laser di due metri??
    Alla faccia della saggezza (e sicurezza!), porca merda.

    I jedi non sono tizi che costruiscono e conducono la loro intera esistenza sull'istinto e la preveggenza? Ti senti dire di un probabile ritorno dei Sith e non prendi serie precauzioni?

    Ma soprattutto: Yoda è in grado di prevedere un futuro "NEBULOSO" per Anakin che ha otto anni, vuoi #CRISTODIUNDIO che non veda  non dico la morte, ma cazzo almeno un goccio di nebbia nel futuro di Qui-Gon Jinn che schiatterà tipo quel pomeriggio??

    Ma chiaramente è Lucas a scrivere, e pur di non inventarsi qualche stronzata per smuovere i due "protagonisti" da soli, preferisce far impartire un ordine stupido a Yoda e compagnia mettendo a rischio due membri del proprio Ordine. #VAI #COSì
     
#Worst. #Battle. #Evvah.
VVVvai che ci stiamo approcciando al finale.

I nostri due eroi ripartono assieme a Padme Amidala, che ha deciso di tornare col suo popolo, verso Naboo.

A ennesima dimostrazione della propria saggezza, Qui-Gon decide di portare assieme a loro, nel bel mezzo di una battaglia militare e con un Sith cazzutissimo che si aggira per i corridoi del palazzo di Naboo, il suo nuovo pupillo nonché preziosissimo prescelto della Profezia, secondo la quale riporterà equilibrio nella Forza...

Tipo rinchiuderlo in qualche soffitta Jedi no, eh?
Per la sua incolumità, dico.

Ma comunque.
A Naboo Padme si rivela come LA Regina al popolo dei Gungan affinché possano stringere un'alleanza contro la Federazione.

Sul piano strategico imbastito da una quattordicenne priva di qualsivoglia esperienza militare, decidono quindi di tenere impegnato l'esercito della Federazione lontano dalla città di Theed sicuri che avendo in scacco il Viceré della Federazione bloccheranno quest'ultima dall'arrecare ulteriori danni al pianeta.
La cosa divertente è che basta la sicurezza mostrata dalla Regina per assicurare una spedizione kamikaze verso la base di comando della Federazione, sicuri che distruggendola le truppe di terra si fermeranno.

Ma tipo... Che stiamo parlando di DROIDI, forse? Per quanto ne sanno, potrebbero solo ricevere direttive dalla Base e muoversi per qualche sorta di programma interno ai singoli soldati, ed anche distrutta quella pseudo-Morte Nera continuare a mietere vite gungan come non ci fosse un domani!

Insomma un azzardo pericolosissimo ma che viene messo in atto dai leccafiga della Regina senza batter ciglio.
E sì che il generale Panaka mi sembrava un tizio sveglio...

A ri-conferma del genio politico-strategico di Darth Sidious, questi decide di dispiegare tutte le forze in dotazione alla Federazione sul fronte dei Gungan, lasciando COMPLETAMENTE SPROVVISTA la Capitale di un sistema difensivo efficiente. Tipo che bastavano una ventina di Drodeika davanti la reggia e Padme la prendeva nel culo. #w #l'anal.
#troppo #ganzo.
Avanti veloce, gli eroi riescono ad entrare nella reggia, Anakin si nasconde dentro un'astronave che si attiva col pilota automatico e parte verso la stazione di Comando della Federazione  (fortuna che trova un casco per bambini all'interno dell'abitacolo. No, davvero, quanto figo non sarebbe stato se Anakin avesse dovuto pilotare non solo per la prima volta un'astronave, ma pure con una mano impegnata a reggersi e sistemarsi il casco - per lui troppo grande - e nonostante tutto fosse riuscito a distruggere una stazione spaziale costata la vita a piloti ben più vecchi ed esperti di lui? Ma invece no, meglio far piovere dal cielo un casco buffo su misura per il moccioso cagacazzi simpatia portami via...), Padme e guardia reale al seguito si intrufolano nella sala del re dove mettono in scacco il Viceré ed i nostri due Jedi approdano al tanto famigerato...

... SCONTRO FINALE!1!11
#TAN #dan #daaaan #dramaticreverb.

Che dire, anzitutto se le guardie reali avessero premuto i loro cazzo di grilletti mentre il cattivo stava lì a tirarsela facendo le faccette cattive, di Darth Maul sarebbe rimasta appena la Darth Polvere #ieheheh, ma vabbé, non incastriamoci tra questi dettagliucoli.

Quindi SPIEGATEMI dove cazzo stanno combattendo i tre spadaccini.

Cosa-cos'è, una sorta di generatore di energia? Se sì, a cosa da energia, il cazzo di Universo?

Sul serio, soffermatevi sulle dimensioni TITANICHE di 'sti mega pilastri energetici che pare si propaghino fino al centro della terra.
E' allora lampante che quel gran GENIO di George Lucas volesse ambientare l'epico duello finale in una sorta di ambiente che facesse l'occhiolino a quelli della Trilogia Originale, ma questo è stato inserito A FORZA in uno scenario che non potrebbe essere più avulso.
E soprattutto, più illogico: chi cazzo sarà mai stato l'architetto, dai...

Ma qui siamo nel regno delle illogicità, dacché Lucas non rispetta nemmeno le stesse regole che si è inventato da solo.

All'inizio del film vediamo di come gli Jedi sono in grado di usare il potere della super-velocità quando lo sceneggiatore non sa come tirarli fuori dal fuoco nemico di un paio di drodeika, super potere che ACCIDENTALMENTE Obi-Wan si dimentica di utilizzare proprio quando deve percorrere un corridoio di dieci metri ostacolato da muri laser in soccorso del suo adorato maestro.

Tralasciando la patetica morte di Qui-Gon Jinn, morto come un coglione per una ferita nemmanco mortale (un buco sulla pancia. #really!?), Obi-Wan riesce a vendicarlo da una posizione di ASSOLUTO TOTALE SVANTAGGIO contro Darth Maul, il quale deve essere però stato colpito dal potere segreto Jedi di Qui-Gon del morire come un coglione.

Posizione che ricordiamo subirà fatalmente Anakin in Episodio III: probabilmente Yoda, avendo previsto tutto, consiglierà ad Obi-Wan di non insegnargli a difendersi da posizioni sopraelevate nel corso dei dieci anni di allenamento fra Episodio I e II.

Hai capito quel furbone di Yoda.
#mod.saggio:ON

Cercando di tornare seri, ciò che penso di questo combattimento (e quindi di tutti quelli futuri) è sostanzialmente quello che ho già avuto modo di dire sull'Azione all'inizio di questa recensione.

Quello che molti, soprattutto i più giovani, non arrivano a voler capire è che le Spade Laser sono davvero fra le ultime cose che hanno reso grande LA Saga di Guerre Stellari.

Non è la velocità con cui è in grado di far roteare una spada, o gli oggetti che riesce a sollevare con la Forza, che rende "forte" la figura dello Jedi, ma ciò che essa rappresenta.

Non sono la durata di un duello e la sua spettacolarità, piuttosto che le sue complesse coreografie ed acrobazie a rendere importante un combattimento, ma ciò che esso significa per i personaggi.

Molti storceranno il naso, ma c'è molto più in gioco nel quieto e breve fronteggiarsi fra Obi-Wan e Darth Fener ne "Una Nuova Speranza"che in tutti i pirotecnici combattimenti di questa seconda trilogia messi assieme. 

I duelli laser, come ogni scena concitata, dovrebbero essere semplici tappe di una trama, di una storia di persone come noi che crescono e devono affrontare la propria natura: questa può essere rappresentata in diversi modi, ma il Cuore di ogni buon film è il racconto che porta avanti, che vuole trasmettere.

Questo combattimento, come quelli che succederanno, è semplicemente vuoto.

Assistiamo ad un connubio sconclusionato di stunt-men e attori menarsi fendenti quasi fossero privi di un volto, senza dare voce ai personaggi che interpretano.
Ma non è una semplice questione di inquadrature o recitazione troppo "enfatica" nei movimenti: pensiamo ai grandi scontri delle Guerre Stellari.

Ne "Una Nuova Speranza", Maestro ed Allievo si incontrano dopo decenni non più come Amici di una vita, ma come emblemi del Bene e del Male, due facce di una stessa medaglia che solo nel loro contrasto trovano la loro ragione di essere; ma fra i due, è il Bene a sacrificarsi per dare seguito ad una "nuova speranza", mentre il Male, freddo ed ostile, si ritrova a rovinare su se stesso.

Ne "L'Impero Colpisce Ancora", quel poco di coreografia messa in atto vede un contrasto fra un Padre ed un Figlio: Darth Fener potrebbe avere la meglio su Luke quando vuole, ma di fatto gioca con lui e si limita a ribattere ed a stuzzicare il giovane quasi ne provasse compassione per l'inesperienza e gli ingenui, avventati modi di fare.
Fener vede in Luke, come è naturale che sia, un se stesso più giovane, nonché "futuro": per questo cerca di portarlo con sé; a lui non frega nulla dell'Impero, potrebbe cadere il giorno stesso se questo servisse a ricongiungerlo con suo figlio.

Ne "Il Ritorno dello Jedi" torniamo al discorso dicotomico alla base delle Guerre Stellari, che questa volta, alla fine, da però luce ai concetti di Redenzione e Speranza. Non è il Bene a "vincere" sul Male, il Bene, un po' come gli Jedi, non "uccide". Il Bene emerge dal Male, da Darth Fener, per poi accecarlo con la sua virtù: nessuno uccide direttamente l'Imperatore - il Male Assoluto - che viene metaforicamente re-spinto in se stesso, nel cuore della Morte Nera e quindi del Male stesso. 

#lacrime

Mentre nell'"epico" #-.- duello finale de "La Minaccia Fantasma" con che cosa ci ritroviamo?

Tre tizi che non si sono mai visti in vita loro darsele di santa ragione perché bravi a menare fendenti. FINE.

Il punto più alto del duello, che nel suo piccolo rimane più impresso, qual è? Qual è, vi chiedo.

Ditemi se sbaglio, ma quello che più ci rimane impresso non è forse lo sguardo d'ODIO che Obi-Wan rivolge al suo avversario per aver troncato la vita al suo Maestro?

 Quando succede, e noi pubblico assistiamo a quel Primo Piano, ci carichiamo ogni volta abbestia perché noi VOGLIAMO Vendetta: che sia giusto o sbagliato, in quel momento la vogliamo poiché E' UMANO, cazzo!
In quell'attimo d'Odio noi SIAMO Obi-Wan e noi vogliamo far rimpiangere un atto tanto sacrilego (la privazione della Vita) al malvagio Darth Maul.

E l'ODIO come si potrebbe rappresentare nel CINEMA, in una situazione del genere?
Beh, ma lo abbiamo appena accennato: Luke contro Darth Fener ne "Il Ritorno dello Jedi"!!
Ecco un'altra scena indimenticabile, il Cavaliere Luke che preso dall'Ira rischia di cedere al Male uccidendo Darth Fener, ma così non fa perché Egli decide di intraprendere la strada del Bene! Luke è il Bene, ed in quanto tale non è superiore ma distaccato dal concetto di Morte, poiché il Bene è solo Vita!

In quella (questa ) EPICA scena vediamo Luke per un istante affrontare la prova del nove e venire sommerso dall'Ira: i suoi movimenti si fanno sgraziati, violenti, il suo volto si contrae in un'espressione d'odio e rancore, dimentica tutto ciò che Obi-Wan, Yoda ed i suoi amici gli hanno insegnato per fare il culo a Darth, ma riuscendo poi a trattenersi ed a vincere il volere dell'Imperatore, del Male.

Mentre in Episodio I come viene tradotta questa scintilla miracolosa di buona (per quanto facile) scrittura? 
Viene tradotta con Obi-Wan che parte come un missile a ripetere L'ENNESIMA coreografia stra-veloce per dimostrare che lui è super forte perché fisicamente forte, super riflessi BAM BAMBUM! Morto Darth Maul...

Sono riuscito a spiegarmi? #piùomeno?

Poi vabbé, arriva Anakin che distrugge la stazione di Comando, #hah-hah-hah grasse risate e tutti contenti, i buoni vincono, evviva. #...


Episodio I finisce con la prescia di chi termina un esercizio di aritmetica mentre gli scappa da cagare, con i Gungan ed i Naboo-iani stringere un'alleanza di Pace. #yippiee

Con la stessa fretta il Consiglio dei Sommi Jedi cambia idea senza spiegazioni su Anakin, quindi promuove Obi-Wan a Cavaliere Jedi ed il ragazzino a giovane Padawan.

FINE.
#thanksGod

Che dire, ho perso le mani ma non ho detto tutto ciò che avrei da dire su "La Minaccia Fantasma", tuttavia non sto a scrivere oltre poiché 1) a sto punto potrei tirare giù un Libro e 2) per l'85% si tratterebbe di imprecazioni e bestemmie a Dio.

Non mi resta che salutarvi #:), spero che la rece vi sia piaciuta ed abbia intrattenuto, noi ci si ribecca con la recensione di "Star Wars Episodio II: L'Attacco dei Cloni" #staytuned!!! e che dire, se non...

VAI CON L'ARIANOMETROOOO... #rulli


TRE (3) ARIANE.


Dopo popò di critica gli dai ben TRE Ariane, Luke??
Beh sì, e te lo spiego subito: fosse solo per Lucas e la sua Regia & Sceneggiatura staremmo ad un 2 ARIANE + (2,15),  ma con quel 0,75 di voto in più voglio premiare il comparto Scenografico, i Costumi (tutto bellerrimo), parte dei Design ED un fatto non di poco conto.
Non fosse stato per gli "sperimentalismi" a connubio di CGI e Live Action oggi ci sogneremmo il Cinecomic ma soprattutto quella che sarà #spero la nuova "Via" intrapresa da Hollywood&Bollywood; un ritorno al Cinema "materico" classico SUPPORTATO (e solo tale) dalla Computer Graphic, ed il tutto solo in sincera funzione della Trama e del Racconto.


P.S.1: non ho affrontato "La Regia" di questo film poiché è generalmente quella discreta di Lucas, che fa il suo annoiato mestiere, ma non conta nulla di particolare se non appunto gli Effetti che però ho preferito non recensire perché #figa #saròanche stanco di farlo e sopratutto credo fuori contesto in quello che volevo dire con questa rece.

P.S.2: ah, giusto. Perché ritengo Darth Maul uno dei pochi personaggi "funzionanti" di questo Episodio I?



Perché sta zitto!

#SpecialThanksto: #MrPlinkett.
 








 






















Nessun commento:

Posta un commento